By

Le 7 meraviglie della Russia.

Ah, la Russia! Tale è il mio desiderio di perdermi nell’immensità della terra di Putin.

Moscow

Il paese è pieno di luoghi incredibili, storia, cultura e mi piace immaginarlo come le sue famose matriosche: pieno di sorprese.

Un po’ di tempo fa mi sono imbattuta nella lista “le 7 meraviglie della Russia secondo i russi”, lista eletta tramite una ricerca alla radio e in tv, nel 2010. Non so se negli ultimi anni siano state fatte nuove classifiche, ma in un paese tanto vasto, pieno di cose da vedere, anche un ranking ormai datato può rivelarsi utile.  Segnatevi quindi questi posti.

  1. Lago Baikal.

Shaman Rock, Island of Olkhon, Lake Baikal, Russia

La pietra Shaman, nell’isola di Olkhon. (Foto: iStock/rutin55)

to-go-blogs-turista-curioso-baikal-russia-2

Foto: iStock/rutin55

Il lago Baikal è uno dei punti più alti nel corso di un viaggio lungo il percorso ferroviario della Transiberiana, alla fermata Irkutsk. Più che una meraviglia russa, questa è una meraviglia della natura e considerato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Il lago è il più profondo del pianeta, con 1,5 km di distanza tra la superficie e il punto più basso.


2. La valle dei geyser

to-go-blogs-turista-curioso-geyser-kamchatka-russia

(foto: iStock/annshine)

to-go-blogs-turista-curioso-geyser-kamchatka-russia-2

(Foto: iStock/highkey)

La penisola di Kamchatka meriterebbe un intero viaggio. L’attività vulcanica della regione è così forte che la Valle dei Geyser è la seconda più grande del mondo ed è anch’essa Patrimonio dell’Unesco.


3. Statua della Madre Patria.

Monument "Call of Motherland"

Povera Statua della Libertà. Scendendo dal suo piedistallo, infatti, la statua americana è molto più bassa rispetto a questa di ben 92 metri, costruita a Volgogrado per ricordare la battaglia di Stalingrado. All’epoca della sua costruzione, nel 1967, era la statua più grande del mondo.


4.  Peterhof

Grand cascade in Pertergof, Saint-Petersburg, panorama

(foto: iStock/VitalyEdush)

lower park of the Peterhof

Anche la serie di palazzi e giardini di Peterhof, a San Pietroburgo (un sogno!), sono Patrimonio dell’Umanità. Sono stati costruiti su ordine di Pietro, il Grande, e terminati nel 1725. Dicono che il palazzo sia la “Versailles russa”, ma personalmente nutro qualche dubbio sul confronto fra i due. Non so, appena visiterò anche questo potrò trarre le mie proprie conclusioni.


5 – Cattedrale di San Basilio.

to-go-blogs-turista-curioso-sao-basilio-moscou-russia

Foto: iStock/agustavop

St Basils cathedral on Red Square in Moscow.

Sarebbe impensabile escludere la Cattedrale di San Basilio da una qualsiasi lista. Questa meraviglia architettonica costruita nel 1500 è il più grande simbolo della Russia. Altro Patrimonio dell’Unesco.


6 – Manpupuner

Eccoci in uno di quei luoghi, a mio avviso, più straordinari della Russia.

to-go-blogs-turista-curioso-manpupuner-russia-2

fonte Wikimedia

Una serie di 7 pietre le cui altezze variano tra i 30 e i 42 metri. Fino a qui probabilmente niente di straordinario. Ma la parte sorprendente è che si trovano isolate sulla cima di una montagna dove nei dintorni non compare nessun altra pietra somigliante, dando così vita a uno scenario davvero surreale. La montagna, inoltre, si trova nel bel mezzo di una foresta vergine, nella repubblica di Komi, quindi comporta una certa propensione alla camminata. E’ una meraviglia per pochi, ma merita di essere su questa lista.


 

7. Monte Elbrus.

Elbrus mountain is highest peak of Europe

Foto: iStock/malexeum

Esiste qualche dubbio (come sempre) sul fatto che Elbrus possa essere considerata la più grande montagna, rubando il posto a il Monte Bianco, in Francia. Questo, certamente, se vogliamo considerare la cordigliera del Caucaso come continente europeo – teoria nella quale non tutti concordano.

The Elbrus cap

In ogni caso, il monte Elbrus è il più alto della Russia. Arrivarci non è certo facile, ma non è necessario. Anche da lontano, con le sue cime innevate, è comunque bellissimo.

Vi è piaciuta la lista ? Allora: Пойдем!

By

Andare in Iran ?

Vivo ripetendo che l’Iran è un paese meraviglioso per il turismo, specie dai commenti entusiasti che mi sono giunti da  conoscenti che hanno già visitato il paese. Io, per esempio, muoio dalla voglia di andarci – anche se mi rendo conto che non si tratta di una meta di viaggio facile per tutti.

Mesquita Sheikh Lotfollah, a Esfahan

Sheikh Lotfollah, a Esfahan

Dal punto di vista della pianificazione del viaggio, per esempio, l’Iran può essere ben burocratico e complicato, specilamente nel momento in cui si cercano particolari informazioni online.

Dal punto di vista psicologico, non è nemmeno facile dimenticare 35 anni di cattive notizie sui giornali, nonostante i giudizi positivi di chi c’è stato e se n’è innamorato.

Un’altra cosa che ho constatato è che in molti hanno rinunciato di conoscere con i loro occhi l’Iran a causa di questi inconvenienti. Dunque andiamo a conoscere e a scoprire un pò insieme le città iraniane. E a ricrederci.

Tabriz

Secondo Lonely Planet è una sorprendente introduzione positiva al paese. Tabriz è la terra di quello che viene considerato il più grande bazar coperto del mondo – che é Patrimonio dell’Unesco – e la città dove il busto di Howard Baskerville, l’americano che è considerato un eroe dagli iraniani.

qiv-CC-BY-SA-2.0

Screen-shot-2014-12-14-at-9.44.53-AM

Yazd

E’ la capitale dello zoroastrismo nel mondo, gode di fantastici quartieri ed è situata nel bel mezzo di due deserti. Vanta una delle più incredibili celebrazioni di Ashura – la cerimonia religiosa più carismatica degli sciti.

7-Yazd-3

8-Yazd-Badgirs

13-Yazd

Persepolis e Pasargada

Ciro, Dario e Serse hanno camminato su queste terre. Questo dovrebbe bastare, no ?

22-Pasargada-Tumba-Ciro

Pasargada, tomba di Ciro

Persepolis

Persepolis

Shiraz

E’ una piccola città e non ha molte attrazioni, ma quelle che ci sono valgono molto, prima fra tutte la moschea di Nasir a-Mulk (quella famosa, con le vetrate colorate) e i mausolei di Hafez e Dadi, due bellissimi parchi che mostrano la sensibilità iraniana e la loro passione per la poesia.

la devozione degli iraniani per i loro poeti

la devozione degli iraniani per i loro poeti

15-Shiraz-Mesquita-2

Esfahan

La più grande meraviglia dell’Iran. Pare che nessuna città o paese dell’Iran possa essere comparato a lei. Esfahan è il centro del mondo, come gli iraniani dicono.

Teto-8

35-Esfahan-Palacio-2

38-Esfahan-Praca

Teheran

Capitale dell’Iran, nonché la metropoli più caotica e vivace.

79-Teerã-Azadi

Torre Azadi

81-Teerã-Banda

Arrivata a questo punto sento il dovere di doverlo dire a qualcuno: ho ricevuto un invito per l’Iran a Gennaio 2016. 9 giorni a bordo di un pulmino con persone cariche del mio stesso entusiasmo! Manca ancora un’infinità di tempo e non so ancora cosa accadrà fino ad allora, ma ammetto di essere super interessata e emozionata dall’idea. Che dite ? Andiamo in Iran ?

By

Perché là ? Islanda.

Sverrir-Thorolfsson

Sverrir Thorolfsson (CC BY-NC-ND 2.0)

Per il pianeta, l’Islanda esiste da 20 migliori di anni, quando le prime roccie vulcaniche sono spuntate nella superficie d’acqua tra l’Oceano Atlantico e quello Artico.

Max-Naylor-Domínio-público-copy

Per noi, umani, l’isola esiste ufficialmente dall’874, quando un norvegese dal nome impronunciabile, vi si è insidiato con la famiglia con tutta l’intenzione di restare. Prima di lui, altri norvegesi (e un irlandese) hanno esplorato l’area, ma per poco tempo. In ognuna di queste visite, l’isola guadagnava un nome diverso, fino a quando un vichingo la battezzò definitivamente, unendo le parole “Is”(ghiaccio) e “land”(terra): Island, “Terra di ghiaccio”

Il nome è bello e d’impatto, ma la grande ingiustizia è che solo l’11% del territorio è composto di ghiacciai. La Groenlandia, per esempio, è per l’80% ricoperta di ghiaccio (e il suo nome significa “Terra Verde”).

Bandeira-Islândia

L’Islanda è stata una nazione indipendente nei suoi primi tre secoli di vita, quando era conosciuta come Stato Libero Islandese. In seguito l’isola dovette passare per il dominio norvegese e danese. La sua libertà e indipendenza venne conseguita  durante la Seconda Guerra Mondiale.

La bandiera, nata con il dominio danese, è rimasta l’ufficiale anche dopo l’indipendenza. La croce scandinava (simbolo del cristianesimo dell’epoca) e i colori blu, bianco e rosso, rappresentano rispettivamente le montagne, il ghiaccio e la lava dei vulcani.

Ma perché fare un viaggio in Islanda ?

1. Semplicemente per le foto che vedrete in questo post.

2. Per rendersi conto che il paese non è fatto di ghiaccio.

Zanthia (CC BY-NC-SA 2.0)

Mapa-Islândia

3. Per conoscere la capitale più a nord del mondo, Reykjavìk.

3407248026_d9c7cfd0cd_b

Bjørn Glesenbauer

Stuck in Customs

4. Per accompagnare la notte di Reykjavik (che dicono movimentata).

Magnús-Elvar-Jónsson-CC-BY-NC-SA-3.0

Magnus Elvar Jonsson (CC BY-NC-SA 3.0)

5. Per uscire in tutta tranquillità senza preoccuparsi assolutamente di niente, visto che l’Islanda è tra i paesi più sicuri del mondo. 

6. Per mangiare uno dei migliori hot dog in Europa, provato anche da Bill Clinton: il Bæjarins Beztu Pylsur, a Reykjavik, che tradotto significa “miglior hot dog della città”.

jayneandd (CC BY 2.0)

7. Per conoscere il parlamento più antico del mondo, l’Alpingi (Althing), fondato nel 930.

794px-Althingi.svg-copy

8. Per vedere se è vera la leggenda che l’Alpingi non ha guardie alle porte.

9. Per vedere Hallgrimskirkja (la chiesa qui sotto).

Stuck-in-Customs-CC-BY-NC-SA-2.0

Stuck in Customs (CC BY-NC-SA 2.0)

stefano-CC-BY-NC-SA-2.0

stefano- (CC BY-NC-SA 2.0)

10. Per tentare di imparare a pronunciare qualche nome in islandese (senza riuscirci).

Radar-Communication-CC-BY-2.0

Radar Communication (CC BY 2.0)

11. Per bere una delle acque più pure del mondo. Acqua che non ha bisogno di nessun trattamento prima di passare per le case delle islandesi.

12. Per provare la bizzarra cucina islandese che fra le sue ricette vanta la testa di pecora (compresi gli occhi dell’animale), carne di cavallo, balena ecc.

HeatherMG

HeatherMG (CC BY-NC-ND 2.0)

13.  Per conoscere “l’entrata al centro della terra” nel vulcano/ghiacciaio Snæfellsjökull, nel libro Viaggio al centro della terra, di Jùlio Verne.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Atli Harôarson (CC BY-ND- 2.0)

14. Per conoscere il famigerato vulcano Eyjafjallajökull, quello che ha portato non poco scompiglio negli aeroporti europei nel 2010.

Eyjafjallajökull ash plume

Gunnlaugur P.Briem (CC BY-NC-SA 2.0)

15. Per vedere l’aurora boreale senza necessariamente morire di freddo, già che l’Islanda vanta la temperatura media più alta fra i paesi nordici in inverno (tra i -5° e i 5°, a Reykjavik).

Álfheiður-Magnúsdóttir-CC-BY-NC-SA-2.0

c@rljones (CC BY-NC-ND 2.0)

16. Per vivere il sole di mezza notte in inverno.

747045844_89163a5a21_o

elovazquez.com

17. Per tentar di incontrare un elfo e imparare qualcosa di più su queste creature (e altre del folclore islandese) in un paese dove molte persone credono nella loro esistenza.

Stuck-in-Customs (CC BY-NC-SA 2.0)

18. Per conoscere la 18°isola più grande al mondo.

19. Per conoscere un luogo dove la maggior parte delle persone non ha un cognome vero e proprio, gli uomini guadagnano il nome del padre, con l’aggiunta di “sson”, e le donne il nome del padre con l’aggiunta di “dòttir”.

Nomes-islandeses

20. Per vedere la Laguna Azzurra, probabilmente l’attrazione più famosa e visitata dell’Islanda. E’ un lago artificiale, creato nel 1976. L’acqua ha una temperatura costante che va dai 37 ai 39° e, dicono, è piena di nutrienti per la pelle. E’ possibile soggiornare in una spa nell’area della Laguna, il che significa che con molta – molta fortuna, è possibile vedere l’aurora boreale da dentro l’acqua.

4162606180_b28af230a1_b

loranger (CC BY 00)

6281879264_0d4e0764e4_b

Ruby Tuesday (CC BY-NC 2.0)

21. Se non soffrite di claustrofobia, in Islanda ci sono molte caverne, alcune meritano davvero una visita.

Johnny-Peacock-CC-BY-NC-ND-2.0

Johnny Peacock

stephen.boak-CC-BY-NC-SA-2.0

stephen.boak

22. Per conoscere il Parco Nazionale Thingvellir, patrimonio dell’Unesco.

Eugene-Phoen-CC-BY-NC-ND-2.0

Gunnlaugur-Þ.-Briem-CC-BY-NC-SA-2.0

Ulf-Bodin-CC-BY-NC-SA-2.0

23. Per conoscere un’isola tra due continenti (geologicamente parlando).

24. Per passeggiare dentro l’unico vulcano al mondo accessibile e totalmente sicuro: il Þríhnúkagígur, addormentato da quattro milioni di anni. Nel 2012 è stato raggruppato nell’elenco delle  attrazioni più incredibili del mondo, fatta per la CNN.

Dave-Marcus-CC-BY-NC-SA-2.0-1

Dave-Marcus-CC-BY-NC-SA-2.0

25. Per vedere le balene.

Arjen Toet

26. Per fare uno dei percorsi di trekking classificati tra i 20 migliori del mondo per la National Geographic.

Kröyer-CC-BY-NC-SA-2.0

cavallotkd-CC-BY-NC-2.0

msieur-rico-CC-BY-NC-ND-2.0

Jesusisland-CC-BY-NC-ND-2.01

Jesusisland-CC-BY-NC-ND-2.01

27. Per vedere gêiser come questo.

Stuck-in-Customs-CC-BY-NC-SA-2.01

28. Per vedere la Laguna glaciale Jökulsárlòn e navigare fra i suoi icebergs.

@AdeRussell

Worlds-In-Focus-CC-BY-NC-2.0

29. Per conosce il più grande ghiacciaio d’Europa, Vatnajökull, che occupa l’8% dell’Islanda.

iceNineJon

30. Per sospirare e andare in estasi davanti a tutte le cascate islandesi.

Zanthia

Stuck-in-Customs-CC-BY-NC-SA-2.02

Zanthia-CC-BY-NC-SA-2.02

Zanthia-CC-BY-NC-SA-2.01

Marco-Bellucci-CC-BY-2.0

31. Per vedere un numero inimmaginabile di vulcani.

michi_s-CC-BY-NC-ND-2.0

All-rights-reserved-by-James-Appleton

32. Per tentare di fotografare un  cavallo islandese. E concludere che anche i cavalli sono “biondi” in Islanda.

Mel-Toledo-CC-BY-NC-SA-2.0

davehauenstein-CC-BY-NC-ND-2.0

33. Per conoscere un paese che non ha forze armate.

34. Per conoscere un paese in cui il clima cambia ogni 10 minuti.

35. Per conoscere un paese che ha avuto appena 5 presidenti in 69 anni (dal 1944). Questo con una media di 14 anni a carica.

presidentes

36. Perché ho rinunciato ad aggiunger punti alla lista di cose interessanti che esistono in Islanda – e quando pensavo di aver smesso di trovare curiosità ecco giungere decine e decine di foto bellissime che portano ad altre ancora più belle di posti nuovi. E’ un lavoro senza fine. Stop: smetterò solo quando riuscirò ad andare in Islanda.

Michał-Sacharewicz-CC-BY-NC-SA-2.0

Boreal-Travel-CC-BY-NC-ND-2.0

Ómar-Smith-CC-BY-2.0

quinet-CC-BY-SA-2.0

By

Perché là ? Groenlandia.

La Groenlandia è uno strano luogo. Siete d’accordo ?

All-rights-reserved-by-Floydian-1

All rights reserved by ~ Floydian ~ (Flickr)

– Può essere una mia impressione, ma ricordo di aver quasi sempre visto il paese rappresentato in bianco, anche in mappe politiche molto colorate.

– Ha un nome che significa “Terra verde”, ma quasi l’ 80% del suo territorio è ricoperto di ghiaccio.

Mark Mitchell (CC BY-NC-SA 2.0)

– E’ la più grande isola al mondo con 2,1 milioni di km².

– Pur facendo parte del Regno di Danimarca , la Groenlandia non fa parte dell’Unione Europea. (Ne ha fatto parte, ma si è ritirata nell’85.)

Ma con l’essere insolita non significa che non sia una bella meta di viaggio. Anzi.

Il paese è considerato uno dei più attraenti al mondo per chi ama la bellezza e i paesaggi naturali.

Eric_the_Red150

Ufficialmente scoperta da un islandese chiamato Erik, la Groenlandia è stata territorio norvegese e motivo di disputa tra Norvegia e Danimarca. Le sue coste sono state anche esplorate dagli inglesi ed è stata invasa dai tedeschi nella Seconda Guerra Mondiale. Dopo tutto questo, è tornata dominio della Danimarca e, già da un po’ di tempo, vorrebbe la totale indipendenza dalla monarchia. Secondo il libro L’Origine dei Nomi dei Paesi, il nome “Terra Verde” è dato dalla presenza di un bosco di betulle nella regione dove Erik, l’esploratore islandese, sbarcò nel 983 d.C.

All-rights-reserved-by-elosoenpersona

All rights reserved by elosoenpersona

Di fretta e senza notare che la maggior parte dell’isola era composta di ghiaccio, Erik la chiamò Groen – Land. E così è rimasta.

La bandiera della Groenlandia ha i colori della bandiera della Danimarca, ma è piena di propri significati.

Flag_of_Greenland-copy-1

La fascia bianca rappresenta il gelo che ricopre l’80% del paese. La fascia rossa è l’oceano. Il semicerchio rosso rappresenta il sole all’orizzonte, il semicerchio bianco rappresenta gli icebergs.

A gli interessati che vogliono programmarci un viaggio, un avviso: preparate il portafoglio. Come spiega lo stesso sito ufficiale del turismo, la Groenlandia è autosufficiente solo nella produzione di cereali, pesce e cubetti di ghiaccio. Il resto viene importato, rendendo i prezzi più cari all’incirca del 10% rispetto la penisola scandinava.

Ma basta con il blablabla e vediamo perché passare una vacanza in Groenlandia.

1. A causa di foto come queste.

All-rights-reserved-by-elosoenpersona1

All rights reserved by elosoenpersona

destination-arctic-circle-CC-BY-ND-2.0

destination arctic circle (CC BY-ND 2.0)

All-rights-reserved-by-wili_hybrid1

All rights reserved by wili_hybrid

banyanman-CC-BY-NC-SA-2.0

banyanman (CC BY-NC-SA 2.0)

destination-arctic-circle-CC-BY-ND-2.02

destination arctic circle (CC BY-ND 2.0)

wili_hybrid-CC-BY-NC-2.0

wili_hybrid (CC BY-NC 2.0)

All-rights-reserved-by-Giorgio-Ghezzi

All rights reserved by Giorgio Ghezzi (Flickr)

2. Per conoscere la più grande isola del mondo ( o la seconda, se credete che l’Australia sia un’isola).

3. Per conoscere un paese che ha l’80% del territorio ricoperto di ghiaccio.

Gornelandos

4. Per prendere la patente di guida con i cani da slitta.

ilovegreenland-CC-BY-2.0

ilovegreenland (CC BY 2.0)

5. Per vedere il Festival del Ritorno del Sole, quando i groenlandesi festeggiano il finire delle notti senza fine.

All-rights-reserved-by-Galya-Morrell

All rights reserved by Galya Morrell (Flickr)

6. Per conoscere un paese che non ha nemmeno un treno e una strada e sapere cosa significa spostarsi solo con le slitte, imbarcazioni o piccoli aerei/ elicotteri.

7.  Per conoscere un paese con 57 milioni di abitanti e 30 mila cani da slitta.

destination-arctic-circle-CC-BY-ND-2.04

destination arctic circle (CC BY-ND 2.0)

8. Per conoscere un paese con tre stagioni all’anno: Primavera (marzo e aprile), Estate (maggio – settembre) e Inverno ( novembre a febbraio). Non chiedetemi dove collocano il mese di Ottobre perché non saprei rispondervi.

9. Per vedere la maratona cross – country: l’Artico Circle Race. 160 km di corsa al gelo e fra le montagne, nel corso di tre giorni.

All-rights-reserved-by-destination-arctic-circle

All rights reserved by destination arctic circle

10. Per provare il Greenlandic Coffee, un po’ più forte dell’Irish Coffee.

11. Per conoscere la prima chiesa del nuovo mondo: Thjodnhild.

All-rights-reserved-by-La-señorita-del-Tiesto

All rights reserved by La señorita del Tiesto

12. Per conoscere Kulusuk . Secondo la Lonely Planet, uno dei migliori luoghi per starsene da soli lontani da tutto e tutti.

Nir-Nussbaum-CC-BY-ND-2.0

Nir Nussbaum (CC BY-ND 2.0)

13. Per mangiare grasso di balena, il mattak , adorato dai groenlandesi.

14. Per vedere il Northeast Greenland National Park. Il più grande parco nazionale al mondo, più grande della Francia e Gran Bretagna insieme.

15. Per conoscere il fiordo di ghiaccio, IIlusissat, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Tim-Norris-CC-BY-NC-ND-2.0

Tim Norris (CC BY-NC-ND 2.0)

17. Per conoscere il popolo che ha inventato gli occhiali da sole.

destination-arctic-circle-CC-BY-ND-2.05

destination arctic circle (CC BY-ND 2.0)

17. Per conoscere un paese che ha in media una macchina per ogni 22 abitanti.

Bjartir litir á húsunum í Ittoqqortoormiit - gula húsið, önnur s

All rights reserved by Andri Thorstensen

18. Per conoscere un paese con appena 4 semafori.

All-rights-reserved-by-lovstromp

All rights reserved by lovstromp (Flickr)

19. Questo motivo è così bello che val la pena d’esser ripetuto: per conoscere un paese che ha appena 4 semafori.

20. Per vedere l’Aurora Boreale.

destination-arctic-circle-CC-BY-ND-2.01

destination arctic circle (CC BY-ND 2.0)

21. Per imparare qualche parola di kalaallisut (alias “groenlandese”).

22. Per conoscere il popolo che ha inventato la canoa.

ilovegreenland-CC-BY-2.0-2

ilovegreenland (CC BY 2.0)

23. Per vedere il sole di mezza notte.

24. … e vedere gli icebergs.

All-rights-reserved-by-Ben-H

All rights reserved by Ben H

25. Per (tentare) di vedere gli orsi polari prima che scompaiano.

All-rights-reserved-by-Olof-S

All rights reserved by Olof S

26. Per scoprire perché i grandi esploratori dicevano “Quando hai visto tutto il mondo, c’è sempre la Groenlandia”.

By

#Traveldreams2015

Non ha fatto in tempo a scoccare la mezzanotte del nuovo anno e già la fatidica domanda

dove andrai in questo 2015 ?

Marocco

Fra nemmeno una ventina di giorni sarò in Marocco con una cara amica. Volo per Marrakech con Ryanair alla bellezza di soli 30 €.  Come potevo rinunciare ?

Umbria

Voglio ritornare in Umbria, questa volta con più calma. . L’idea è quella di partire con la macchina e di soggiornare in una zona tranquilla e da lì spostarsi in totale relax. Sono impaziente di riassaporare l’ottima cucina accompagnata da un buon rosso di Montefalco in qualche piccola osteria.

Israele

Israele

Mia madre ed io solitamente ci concediamo un viaggio all’anno insieme. Per la serie #viaggiaconmamma , la nostra meta scelta per questo 2015 sarà Israele. Tappa che abbiamo chiuso in un cassetto da troppo – troppo! – tempo.

Turchia

Turchia

 Avrei dovuto passare un semplice weekend a Istanbul l’estate scorsa, ma all’ultimo momento non sono riuscita a partire. Instanbul e la Turchia restano nella mia agenda.

NYC

No. Non sono mai stata a New York. No, non sono ancora stata negli States! A sentire mio fratello, che gli ha girati più volte e in lungo e in largo, la cosa è imperdonabile. Ad Agosto, quando la Grande Mela si svuoterà per il caldo asfissiante, io sarò là.

Alla fine di un viaggio

Blog di ricordi fuori porta

Life at first sight

"Non si può apprendere molto e sentirsi anche a proprio agio. Non si può apprendere molto e permettere a chiunque altro di sentirsi a proprio agio."

Blog di Viaggi

Diari di viaggio, foto e video dal mondo, idee di viaggio, news e consigli pratici per il viaggiatore indipendente

La Ginamondo

Travel Blog

Noi Spiriti Liberi

"Ciò che non hai mai visto lo trovi dove non sei mai stato"

il blog di Carlo

tracce di me

Chiara Scattina

Osa cambiare, cerca nuove strade

Il blog di Laura

Consigli su cibo, fitness, viaggi e tanto altro

Giovanna's travels

Avventure di una viaggiatrice compulsiva

Nero di Seppia

Ricette di sapori indelebili.

Viaggi di Pi

Sempre in cerca di nuove avventure

Diecimila Miglia

Riflessioni sparse intorno al Mondo

Racconti di viaggio tra i paesi italiani

Esplorare gli ottomila e passa campanili che puntellano il nostro Belpaese

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: